Archive For ottobre 30, 2017

ABBACCHIO AL FORNO

ABBACCHIO AL FORNO

Ricetta e preparazione

 

Un abbacchio alla romana fatto a regola d’arte (un prodotto che gode della denominazione igp) è una specialità che segue tradizioni antiche e stagionalità (pecore allevate allo stato brado, che brucano nei pascoli aperti del Lazio).

 

INGREDIENTI

 

1 chilo di coscia di agnello con l'osso

 

un mazzo di rosmarino fresco

 

2 spicchi di aglio schiacciati

 

olio extra vergine d'oliva

 

5-6 patate

 

un bicchiere di vino bianco secco

 

sale, pepe e carta di alluminio

 

PREPARAZIONE

 

Per prima cosa praticate almeno tre incisioni con il coltello sulla coscia in modo da creare tre tasche.

 

Quindi prendiamo l'aglio e gli altri odori, li tritiamo finemente e li andiamo ad inserire nelle tasche.

 

Ora prendiamo l'abbacchio e lo posizioniamo in una teglia da forno, lo bagniamo di olio e lo copriamo con l'alluminio facendo attenzione a lasciare lo spazio per le patate.

 

Nel frattempo preriscaldiamo il forno a 200 C ventilato.

 

Ora prepariamo le patate.

 

Innanzitutto laviamole bene, tagliamole a spicchi mantenendo la buccia e posizioniamole intorno l'abbacchio.

 

Inforniamo per 30 minuti.

 

Terminato il tempo eliminiamo il foglio di alluminio, giriamo le patate e versiamo il bicchiere di vino.

 

Poi lasciamo cuocere per ulteriori 30 minuti in modalità statico.

 

Terminata la cottura rimuovete la carne e la patate e lasciate intiepidire.

 

Posizionate la teglia sul fuoco e al sughetto che si è formato aggiungete un cucchiaino di farina e lasciate addensare.

 

Servite l'abbacchio a pezzi con la salsa a parte.

 

Buona tradizione romana da Melocucinodame

 

Un abbraccio Daniele

 

pasta arricchita da farina d’orzo

pasta arricchita da farina d’orzo

Un altro articolo sulla pasta, interessante, formativo e educativo sulla portata principale del nostro bel paese

Un piatto di pasta risolve letteralmente qualsiasi situazione: un pranzo al volo, la fame chimica notturna e da oggi anche il rischio infarto.

Almeno stando a un gruppo di ricercatori toscani, che ha sviluppato un nuovo tipo di pasta capace di prevenire gli attacchi di cuore.

Quindi sotto con pasta al pomodoro, alla norma o una bella cacio e pepe, perché se questa pasta dovesse un giorno essere commercializzata potrebbe davvero prevenire il rischio di malattie cardiache.

Gli scienziati l’hanno addirittura paragonata a un bypass naturale, ma spieghiamo perché farsi un’amatriciana potrebbe salvare la vita.

La pasta salvavita

A fare la scoperta l’Istituto di Scienza della Vita della Scuola Superiore di Sant’Anna che, con uno studio pubblicato su Scientific Reports, ha parlato per la prima volta di una pasta funzionale.

Uno speciale tipo formato dalla classica semola di grano duro e farina di orzo piena di beta glucano, una fibra alimentare speciale amica del cuore perché responsabile di far cresce nuovi vasi sanguigni.

Questi vasi sanguigni sono dei bypass naturali che vengono creati una volta che arriva l’attacco di cuore.

In più la pasta incrementerebbe anche lo sviluppo di una molecola che protegge dagli effetti d’ischemia le cellule che rivestono le coronarie.

Per ora questa pasta è stata testata sui topi da laboratorio: un gruppo è stato nutrito con quella speciale, mentre il gruppo di controllo ha mangiato pasta normale.

E i risultati sono stati molto incoraggianti.

La pasta piena di beta-glucano renderebbe il corpo più resistente allo stress e proteggerebbe le coronarie.

Per aumentare i rami delle coronarie collaterali sono state testate molte altre strategie invasive in passato, – così afferma Vincenzo Lionetti, il professore che ha guidato lo studio – fra cui interventi chirurgici e terapie genetiche.

“Ma per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio che dimostra che una dieta basata sulla pasta arricchita con beta-glucano aumenta in modo sano i collaterali della coronarie….e riduce la mortalità”.

Insomma una buona notizia per i pazienti a rischio che potrebbero in questo modo far prevenzione facendo la cosa che riesce meglio agli italiani: mangiare tantissima pasta.

Fonte articolo Roberta Abate

CALAMARATA ALLA CREMA DI SCAMPI

CALAMARATA ALLA CREMA DI SCAMPI

Il gusto del cambiamento

Non smetterò mai di ripeterlo, il bello del cucinare è sale cambiare anche senza stravolgere tutto, ma cambiare

 

Ricetta anche questa molto classica, unica differenza, la pasta.

 

Anziché utilizare il riso ho deciso di utilizzare con la nostra crema di scampi la calamarata di Gragnano

 

INGREDIENTI

 

400 gr di calamarata

 

800 gr di scampi freschi

 

180 gr di passata di pomodoro

 

un bicchierino di cognac

 

Per il brodo :

 

Una cipolla

 

Una carota

 

Un gambo di sedano

 

Un bicchiere di vino bianco

 

Sale/pepe

 

Una noce di burro

 

Olio evo

 

PREPARAZIONE

 

Per prima cosa puliamo gli scampi conservando le teste e il loro carapace. Conservatene almeno uno per piatto per decorazione.

 

Mettete da una parte gli scampi e procediamo con gli "scarti".

 

Immergeteli in un litro e mezzo di acqua e aggiungete la cipolla tagliata a pezzi grossi, la carota, il sedano un bicchiere di  vino bianco e un pò di sale e pepe.

 

Quindi lasciate cuocere  per almeno per 40 minuti.

 

Una volta terminato il tempo, frullate tutto con un minipimer e poi ripassate la crema ottenuta con un passa verdure e lasciate da parte.

 

In una padellina rosolate un pò di aglio in olio extravergine.

 

Una volta dorato, togliete l’aglio e aggiungete gli scampi sgusciati e quelli interi e insaporite per un minuto, unite il cognac e lasciatelo evaporare.

 

Rimuovete gli scampi interi

 

Unite la passata e cuocete per una decina di minuti.

 

Unite il tutto al fumetto precedentemente ottenuto in un grosso tegame.

 

Nel frattempo mettete a bollire l'acqua per la pasta.

 

Scolate quindi la pasta al dente, aiutandovi con una schiumarola, nel tegame con la crema di scampi.

 

Continuate la cottura della pasta nella crema di scampi, se necessario aggiungete un mestolo di acqua di cottura.

 

Servite e gustate la vostra calamarata alla crema di scampi.

 

Ciao da Melocucinodame.

SPEZZATINO DI VITELLA CON PATATE

SPEZZATINO DI VITELLA CON PATATE

Ingredienti e preparazione

 

Quando si parla di tradizioni della buona cucina, al primo posto troviamo sempre il nostro Bel Paese.

 

Un paese ricco di profumi e di sapori.

 

La ricetta che vi propongo oggi mi è stata richiesta, e ad una richiesta culinaria non mi tirerò mai indietro.

 

Lo spezzatino di vitello con patate viene realizzato con dei tocchetti di carne di vitello, che vengono cotte in tegame insieme alle patate: il risultato finale è sicuramente un piatto super profumato, dal sapore ricco e corposo: non può mancare la scarpetta con il pane per assaporare il delizioso sughetto cremoso

 

INGREDIENTI

 

800 g di polpa di vitello

 

250 g di passata di pomodoro olio extravergine d'oliva

 

1 cipolla

 

1 carota

 

1/2 bicchiere di vino bianco

 

4 patate

 

50 g di burro

 

60 g di farina

 

q.b sale

 

q.b pepe

 

1 rametto di rosmarino

 

PREPARAZIONE

 

Su un fuoco di media intensità ponete una pentola con l'olio extravergine d’oliva e il burro e, quando quest’ultimo si sarà sciolto, aggiungete cipolla e carota tagliate finissime.

 

Appena la cipolla risulterà dorata, aggiungete la carne tagliata a dadi e leggermente infarinata.

pasta, pasta fresca, pasta all'uovo,pastasciutta, me lo cucino da me

Quindi fatela dorare su tutti i lati, quindi aggiungete il vino bianco, la conserva di pomodoro, il sale e il pepe e mescolate.

 

Quando la salsa risulterà densa e il liquido sarà stato assorbito, aggiungete le patate pelate e tagliate a pezzi.

 

Versate una quantità d’acqua sufficiente a ricoprire interamente la carne e fate cuocere a pentola scoperta per 45/50 minuti.

 

A questo punto aggiungere del rosmarino.

 

Quando la carne e le patate saranno divenute tenere, togliete la pentola dal fuoco e servite lo spezzatino caldo magari con del pane bruscato affianco .

 

Buona tradizione con Melocucinodame

 

un abbraccio Daniele

10 cose che (forse) non sai sulla pasta

10 cose che (forse) non sai sulla pasta

Buon giorno a tutti oggi vi voglio riportare un articolo tratto da Focus su aspetti e curiosità della pasta

 

Buona lettura (alla fine della pagina troverete il link diretto)

 

1 CHI HA CUCINATO I PRIMI SPAGHETTI? I primi spaghetti erano chiamati “vermicelli”, e da secoli si discute se siano stati inventati dai cinesi o dai siciliani: oggi si ritiene che si siano diffusi indipendentemente, in entrambe le aree geografiche. Quello che invece è certo è che a portare in Sicilia l’usanza di cucinare pasta secca sono stati gli Arabi. Una delle prime testimonianze scritte sui vermicelli secchi commestibili risale infatti a una sorta di “guida turistica” arabo-siciliana del 1154. e una versione della pasta potrebbe essere stata mangiata dai Greci già nel 1 secolo d. C.. C'era anche la tradizione, tutta romana, di mangiare pasta fresca, come la lagana, una specie di grande lasagna: una sfoglia di farina di grano impastata con lattuga, aromatizzata con spezie e fritta nell’olio di oliva.

 

2 E LA PASTA NAPOLETANA, QUANDO ARRRIVA? Già tra il 1200 e il 1300 a Genova si produceva pasta secca in grandi quantità, mentre a Napoli il passaggio della pasta ad alimento popolare avvenne solo alla fine del 1500, quando cominciò a essere venduta nei chioschi lungo le strade, e mangiata con le mani, liscia o condita con il formaggio. Il pomodoro invece sposò gli spaghetti solo verso il 1800, quando pomodoro e basilico con un pizzico di sale diventarono il condimento scelto dai venditori all’aperto napoletani per condire i maccheroni: una novità, visto che la pizza comincerà a unire il pomodoro alla mozzarella solo verso la metà del secolo.

 

3 IMPASTATA COI PIEDI. Racconta la studiosa italo-americana Julia della Croce, che fino al XIX secolo la produzione della pasta veniva affidata a lavoratori a piedi scalzi che si ritrovavano al ritmo della musica del mandolino: durò finché il re di Napoli, Ferdinando II (1830-1859), pensò che fosse meglio assumere un ingegnere per progettare un nuovo sistema... più igienico.

 pasta fresca,pasta fresca,pasta fresca,pasta fresca,pasta fresca

4 I NEMICI DELLA PASTA. Alcuni personaggi storici pensavano che la pasta potesse causare malattie mentali. Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer la definì “l’alimentazione dei rassegnati”, mentre il partito fascista ritenne che la pasta rendesse le persone troppo rilassate e pigre. Negli anni Trenta il poeta Filippo Tommaso Marinetti, nel Manifesto della Cucina Futurista, auspicò una vera e propria crociata contro gli spaghetti, accusando la pasta di uccidere l'animo nobile, virile e guerriero degli italiani. Ne propose addirittura l'abolizione che, a parere suo e di Benito Mussolini ispiratore della polemica, avrebbe liberato l'Italia dal costoso grano straniero e favorito l'industria italiana del riso. Andò a finire con Marinetti fotografato nel ristorante Biffi di Milano nell'atto di mangiare un bel piatto di spaghetti (quando si dice la coerenza), a cui seguì lo sfottò popolare.

 

5 COTTURA INTELLIGENTE. Aspettare che l’acqua bolle per gettare la pasta non è il modo più intelligente di cuocere la pasta. La cottura infatti dipende solo dalla temperatura raggiunta e non dal fatto che l’acqua vada in ebollizione. Il chimico Dario Bressanini propone un metodo di cottura più scientifico: buttare la pasta prima che l’acqua arrivi all'ebollizione. “Ho provato - scrive - a buttare pasta e sale dopo 8 minuti, con l’acqua a 80 °C. Ho poi continuato a scaldare, col coperchio, sino all'ebollizione per poi spegnere il gas. Sette minuti dopo la pasta era pronta”.

 

6 QUANTE PASTE ESISTONO?Secondo alcune stime esisterebbero ben 350 forme e tipi di pasta.

 

7 COME RICONOSCERE LA PASTA DI QUALITÀ? Sono almeno 3 i parametri da tenere in considerazione per una pasta di qualità. Il primo è la quantità di proteine: il contenuto minimo deve essere 10.5% (11.5% per la pasta di semola integrale). Quando sull’etichetta si trova un valore di proteine del 13.5% vuol dire che è un’ottima semola. Il secondo elemento è la trafilatura: quella migliore è realizzata con trafile in bronzo. Poi c’è la temperatura del ciclo di essiccazione, che però non è riportata in etichetta ma è una caratteristica importante, perché da essa dipendono le caratteristiche fisiche e quelle nutrizionali della pasta. Molto dice poi l’acqua di cottura: più è limpida (calcare a parte), meno amido e proteine ha perso la pasta durante il processo di cottura.

 

8 PASTASCIUTTA O PASTA ASCIUTTA?. Sì, si può scrivere in entrambi i modi: l’aggettivo "asciutta" deriva dal fatto che la pasta, a differenza delle minestre, è senz’acqua, che viene “scolata”. Mentre cottura “al dente” significa che la pasta deve conservare un pizzico di resistenza quando viene mangiata. A proposito: la pasta al dente è anche più facilmente digeribile: la rete di glutine trattiene al proprio interno i granuli di amido, rendendolo assimilabile in modo graduale.

 

9 CIBO DA ESPLORATORI. La pasta secca, grazie alla sua proprietà di distanze senza comprometterne l’edibilità. La pasta può essere cotta con qualche tipo di grasso e sale e verdure, legumi, carne o pesce per un pasto soddisfacente.

 

10 INGREDIENTI. Il grano duro è l’ingrediente principale della pasta. Un grano di buona qualità deve avere una proporzione di amido e proteine tale da garantire la formazione di un buon impasto, garanzia di tenuta di cottura.

focus

CANNELLONI di MELOCUCINODAME

CANNELLONI di MELOCUCINODAME

La sfida

 

Quando cucinare non  è solo divertimento ma anche una sfida.

 

Ebbene si una sfida.

 

Molte persone mi dicono: " torno a casa tardi e non ho tempo di preparare tutte quelle cose che fai tu"

 

Ed io rispondo sempre che il problema non è il tempo a disposizione ma la voglia di "fare" come per tutte le cose.

 

Cosi oggi vi riporto la ricetta dei cannelloni fatti in casa utilizzando gli stessi prodotti che avreste cucinato normalmente.

 

Dai che si comincia.

 

Sono in macchina, nel bel mezzo del traffico romano e penso che è tardi e che fortunatamente un po di spesa l'ho fatta l'altro giorno.

 

Faccio parte di un nucleo familiare di 4 persone.

 

Arrivo a casa e sono le 19.30

 

Apro il frigorifero e vedo i due hamburger, la salsiccia e le uova.

 

Ok divertiamoci un po 

 

Prendo 400 gr  farina di semola, aggiungo tre uova e un tuorlo, impasto per bene, creo una bella palletta e la metto a riposare in un sacchetto 

 

Nel frattempo in una padella sminuzzo i due hamburger, la salsiccia una cipolla e qualche spezia (quella che più vi piace)

 

Cuocete bene ma non troppo in modo che il composto rimanga morbido.

 

Ora trasferite tutto in un frullatore se volete il macinato più morbido altrimenti potete schiacciare bene con una forchetta.

 

A questo punto preriscaldate il forno a 180 C ventilato

 

Prendete quindi il vostro impasto per la pasta e con un mattarello stendetelo completamente su un tavolo formando un rettangolo con uno spessore di 2/3 mm

 

Prendiamo il macinato e lo spalmiamo sulla pasta, quindi arrotoliamo come se fosse una girella e facciamo un lungo rotolo.

 

Ora prendiamo una teglia da forno, stappiamo una passata di pomodoro e creiamo uno strato sottile sul fondo.

 

Recuperate il rotolo e tagliate una serie di cannelloni della stessa lunghezza e li adagiate nella teglia, versate sopra altra altra passata di pomodoro (per chi ha dubbi è cruda) fino a coprire, aggiungete due pizzichi di sale, una spolverata di pepe e parmigiano reggiano tanto, tanto, tanto.

 

Infornate 20 minuti e ...

 

Ricapitolando in un ora (considerando i tempi tecnici delle cotture) mangiate con stile.

 

Bacio Melocucinoamici

 

PS se i cannelloni li preparate magari la domenica, fate il doppio delle dosi e una parte li surgelate per un altra serata in cui "non avrete tempo "

 

FETTINE PANATE ALLA PARMIGIANA

FETTINE PANATE ALLA PARMIGIANA

Un ricordo di Flora

 

Flora Massari, mia nonna.

 

Ieri, chiacchierando in palestra con altri amici, mi è tornata alla mente mia nonna.

 

Mi sono ricordato di quando da piccolo dovevo andare in gita con la scuola e lei, di mattina presto, mi preparava i panini per il pranzo al sacco.

 

Di solito il panino era con la fettina panata, panatura fantastica e intrisa di olio.

 

Difatti lo incartava in tre strati di pellicola proprio per evitare che l'unto fuoriuscisse nello zaino.

 

Un altro ricordo sempre legato a questa portata viaggia parallelamente alla complicità che avevamo .

 

Quando faceva le fettine panate a casa, sapendo che io le adoravo e sapendo che mia madre non voleva che ne mangiassi troppe, sistemava il mio piatto in cucina in questo ordine: due fettine panate di base, due sopra a coprire le precedenti e un po' di insalata a creare disordine visivo.

 

Che mangiate!!!

 

Io e mia nonna avevamo un bel rapporto, mi ha cresciuto lei visto che per lavoro i miei genitori dovevano uscire la mattina presto e tornavano il tardo pomeriggio.

 

Eravamo legati e molto complici.

 

Mia nonna morí un lontano 22 gennaio, il giorno del mio compleanno come a lasciare un promemoria di non dimenticarla.

 

Per questo ho voluto dedicare questa pagina a lei, anche se la ricetta è stata rivisitata su consiglio di amici, trasformandola in una parmigiana.

 

 

Ingredienti e preparazione

 

INGREDIENTI

 

1/2 kg di fettine di girello a fette

 

300 gr di passata di pomodoro

 

250 gr di fiordilatte tritato

 

100 gr di parmigiano reggiano

 

2 uova

 

pangrattato 

 

sale

 

olio per friggere

 

5 foglie di basilico

 

PREPARAZIONE

 

Iniziamo con il prendere una fettina alla volta, la puliamo di possibili grassetti presenti lungo il bordo e pratichiamo delle piccole incisioni a croce lungo il bordo.

 

Sistemata la carne prendiamo una ciotola e sbattiamo l'uovo.

 

In un vassoio o in un piatto piano versiamo il pangrattato.

 

In una padella capiente versiamo l'olio per friggere per uno spessore di almeno 2 cm, la mettiamo sul fuoco e aspettiamo alcuni minuti affinché l'olio si scaldi.

 

Per vedere se l'olio di cottura è caldo al punto giusto prendiamo una pizzico di pangrattato e lo gettiamo dentro, se frigge subito ci siamo altrimenti aspettate qualche altro minuto e ripetete la prova.

 

Nel frattempo preriscaldate il forno statico a 150 C e preparate una teglia da forno con la carta e da un altra parte un vassoio con la carta per fritti.

 

Ora che l'olio è pronto eseguite i prossimi passaggi per ogni fettina.

 

Ne prendete una la immergete nell'uovo, quindi nel pangrattato e la adagiate da una parte.

 

Finito il passaggio per tutti i pezzi di carne, ripetete di nuovo il passaggio nell'uovo e nel pangrattato creando così una doppia panatura.

 

Mettete a friggere ogni fettina nell'olio girandole prima da una parte e poi dall'altra.

 

Sgocciolarle e metterle a riposare nel vassoio.

 

Trasferitele ora nella teglia da forno la carne adagiandola una di fianco all'altra.

 

Sistemare su ogni fettina due cucchiai di passata di pomodoro, la mozzarella grattugiata e il basilico.

 

Infornate per il tempo di fare sciogliere la mozzarella.

 

Quindi sfornate e mettete il parmigiano.

 

Servitele belle calde.

 

Buon appetito da Melocucinodame  

 

grazie Daniele

ARROSTO IN CROSTA

ARROSTO IN CROSTA

Non solo il pesce sotto sale

 

Oggi vi presento una ricetta molto semplice e molto buona ma che soprattutto non sporcherà il vostro forno.

 

Arrosto di vitella in crista di sale al forno

 

INGREDIENTI

 

1,500 kg di noce di vitella (che farete mettere in rete di arrosto se non sapete come farlo voi)

 

5 fette di guanciale di amatrice

 

4-5 foglie di salvia

 

una manciata di rosmarino + 1 rametto intero 

 

3 kg di sale grosso

 

PREPARAZIONE

 

Per prima cosa in una ciotola abbastanza capiente mettiamo tutto il sale, le spezie sminuzzate, ad esclusione del rametto di rosmarino, aggiungete un filo di olio e una spruzzata di acqua, mischiate per bene e lasciate riposare per circa 10 minuti

 

Nel frattempo preriscaldate il forno a 200º C ventilato e adagiate le fette di guanciale sopra la carne

 

Ora prendete una terrina da forno, stendete nella base almeno 2 cm di strato di sale, quindi adagiate sopra il vostro arrosto.

 

Coprite tutto l'arrosto con il resto del sale premendo un po con le dita ed evitando di lasciare parti scoperte.

 

Terminata l'operazione infornate per 40 minuti.

 

A fine cottura aprite con delicatezza il guscio di sale e fate intiepidire la carne prima di tagliarla.

 

Buon pranzo con Melocucinodame

 

 

RISOTTO ALLA PESCATORA E ZAFFERANO

RISOTTO ALLA PESCATORA E ZAFFERANO

Unire le trazioni per il piacere del palato

 

Questa è la parte del cucinare che adoro.

 

Aprire il frigorifero e la dispensa ed iniziare a prendere gli ingredienti per fare un buon risotto allo zafferano, o alla pescatora?

 

Perché non tutti e due nello stesso piatto?

 

Cucinare è soprattutto questo, divertirsi e giocare con le materie prime con l'obiettivo finale di stupire se stessi.

 

Sicuramente non ho inventato nulla di nuovo, ma sicuramente, mi è venuto proprio bono.

 

Modestie a parte procediamo con la preparazione.

 

Per il riso, come al solito, ho scelto il carnaroli e come marca il riso Acquerello

 

Sarò fissato, ma anche in un altra ricetta (risotto con rape rosse ) ho utilizzato questa marca in quanto, almeno fino ad ora, tiene molto bene la cottura ed ha una consistenza molto buona.

 

INGREDIENTI

 

4 calamari medi puliti

 

4 gamberoni

 

2 filetti di acciughe sott'olio

 

1 bustina di zafferano

 

4 cucchiaini di pistilli di zafferano

 

1 lt di brodo vegetale

 

1 bicchiere di vino bianco

 

350 gr di riso

 

PREPARAZIONE

 

Per prima cosa mettiamo in un tegame, abbastanza ampio per cuocere il nostro risotto, i filetti di acciughe e un filo di olio evo e facciamo soffriggere.

 

Nel frattempo tagliamo a rondelle i calamari e sminuzziamo le zampette.

 

Quindi uniamo al soffritto e lasciamo cuocere per circa 10 minuti a fiamma media facendo attenzione di girare di tanto in tanto.

 

A questo punto puliamo i gamberoni della testa e di quel filetto nero tanto brutto e li teniamo da parte.

 

Versiamo nel tegame il vino bianco e il riso, alziamo la fiamma e lasciamo sfumare.

 

Appena sarà sfumato tutto il vino, iniziamo a mettere il brodo fino a coprire il riso e versiamo la bustina di zafferano.

Giriamo bene con un mestolo e lasciamo cuocere circa 18/20 minuti a fiamma media, facendo attenzione di rimboccare sempre con il brodo non appena si asciuga e di girare di tanto in tanto.

 

Quasi a fine cottura incorporiamo i gamberoni e li facciamo cuocere con il riso.

 

Quando il risotto è pronto impiattiamo spolverando la superficie con dei pistilli di zafferano

 

Buon appetito dalle tradizioni alla vostra tavola con MelocucinodaMe.

 

Un abbraccio Daniele

Go Top