Posts Tagged “pasta”

10 TIPI DI PASTA SENZA GLUTINE

10 TIPI DI PASTA SENZA GLUTINE

Scritto da Marta Albè

 

La pasta senza glutine è pensata sia per i celiaci che per chi vuole variare la propria alimentazioni con prodotti diversi dalla classica pasta di semola di grano duro.

 

È infatti importante introdurre nella propria dieta dei cereali alternativi al grano per renderla più ricca e meno monotona.

 

Le calorie e l’apporto di proteine e di carboidrati dei vari tipi di pasta senza glutinepossono cambiare da una marca di prodotto all’altra.

 

Qui di seguito vi proponiamo alcuni esempi e vi basterà verificare le tabelle nutrizionali riportate sulle confezioni della pasta senza glutine a vostra disposizione per conoscere le informazioni sui prodotti specifici.

 

Trovate in vendita i vari tipi di pasta senza glutine in alcuni supermercati, nei negozi di prodotti biologici, in erboristeria, nei negozi di prodotti per celiaci e negli shop online. Basta una veloce ricerca sul web per individuare i vari tipi di pasta senza glutine che vi elenchiamo qui di seguito.

 

1) Pasta di lenticchie senza glutine

La pasta di lenticchie è un alimento adatto a chi segue una dieta senza glutine. Infatti è preparata esclusivamente con farina di lenticchie, senza l’aggiunta della farina di grano. È una pasta ricca di fibre e di proteine. 100 grammi di pasta di lenticchie rosse forniscono 334 calorie, 25 grammi di proteine e 48 grammi di carboidrati. Date un’occhiata anche alle nostre ricette con le lenticchie. Troverete in vendita, oltre alla pasta di lenticchie rosse, la pasta di lenticchie nere e di lenticchie verdi.

 

 

2) Pasta di riso integrale senza glutine

Tra i vari tipi di pasta senza glutine potrete trovare la pasta di riso integrale, prodotta esclusivamente con farina di riso integrale. 100 grammi di pasta di riso integrale apportano 352 calorie, 72 grammi di carboidrati e 8 grammi di proteine. La pasta di riso integrale è meno proteica rispetto alla pasta di lenticchie ma potrete arricchire il vostro piatto di proteine scegliendo un condimento a base di legumi, ad esempio ceci o fagioli.

 

3) Pasta di piselli verdi senza glutine

La pasta di piselli verdi viene prodotta utilizzando soltanto la farina di piselli che essendo ottenuta dai legumi è naturalmente priva di glutine. La pasta di piselli verdi senza glutine ha un tempo di cottura molto breve, pari a solo 4 o 5 minuti. 100 grammi di pasta di piselli apportano 335 calorie, 55 grammi di carboidrati e 20 grammi di proteine.

 

4) Pasta di quinoa senza glutine

La pasta di quinoa senza glutine è prodotta a partire dalla farina di quinoa eventualmente con l’aggiunta di altre farine gluten-free come la farina di riso e la farina di mais. La pasta di quinoa apporta circa 356 calorie ogni 100 grammi di prodotto, 8 grammi di proteine e 77 grammi di carboidrati. Come sapete, la principale proprietà della quinoa è data dal suo contenuto di tutti gli amminoacidi essenziali di cui il nostro organismo ha bisogno per produrre le proteine.

 

5) Pasta di amaranto senza glutine

La pasta di amaranto senza glutine è prodotta solo con acqua e con farina integrale di amaranto biologica. Viene essiccata a basse temperature per conservare i benefici nutritivi e le proprietà dell’amaranto. 100 grammi di pasta di amaranto senza glutine apportano circa 321 calorie, 14.5 grammi di proteine e 51 grammi di carboidrati. Scoprite anche le nostre ricette con l'amaranto.

 

6) Pasta di mais senza glutine

La pasta di mais è probabilmente la pasta senza glutine più diffusa. La trovate in vendita in diversi formati, dai fusilli alle penne, agli spaghetti. La pasta di mais è adatta ai celiaci e di solito viene prodotta con farina di mais da agricoltura biologica (controllate questa caratteristica sulle confezioni). 100 grammi di pasta di mais apportano circa 354 calorie, 79 grammi di carboidrati e 7 grammi di proteine.

 

7) Pasta di ceci senza glutine

La pasta senza glutine si può produrre anche con la farina di ceci, che è naturalmente gluten-free. La pasta di ceci è ricca di proteine e di fibre. 100 grammi di pasta di ceci senza glutine apportano al nostro organismo 336 calorie, circa 44 grammi di carboidrati e 18 grammi di proteine.

 

8) Pasta di grano saraceno senza glutine

La pasta di grano saraceno viene prodotta solitamente solo con acqua e farina di grano saraceno. Alcuni tipi di pasta di grano saraceno contengono anche farina di mais, ma sono comunque senza glutine. 100 grammi di pasta di grano saracenoapportano 332 calorie, 77 grammi di carboidrati e 8 grammi di proteine. Questa pasta senza glutine conserva i benefici e le proprietà del grano saraceno.

 

9) Pasta di fagioli senza glutine

La pasta di fagioli fa parte della categoria delle paste di legumi senza glutine, insieme alla pasta di lenticchie e alla pasta di ceci. La pasta di legumi è più ricca di proteine rispetto alla pasta prodotta dai cereali. Esistono diverse varietà di fagioli e di pasta di fagiolil. Troverete in vendita, ad esempio, la pasta di fagioli cannellini e la pasta di fagioli neri. 100 grammi di pasta di fagioli apportano circa 329 calorie, 48 grammi di carboidrati e 22 grammi di proteine.

 

10) Pasta shirataki di konjak senza glutine

La pasta shirataki di konjak è una pasta senza glutine a basso contenuto di calorie. Si presenta sotto forma di spaghetti sottili, molto simili ai noodles. La radice di konjak da cui viene ricavata la farina per produrre questa pasta è molto diffusa nell’alimentazione orientale e meno nota in occidente. 100 grammi di pasta shirataki di konjak apportano soltanto 34 calorie.

 

fonte https://www.greenme.it/mangiare/altri-alimenti/19734-pasta-senza-glutine-benefici-calorie

 

pasta arricchita da farina d’orzo

pasta arricchita da farina d’orzo

Un altro articolo sulla pasta, interessante, formativo e educativo sulla portata principale del nostro bel paese

Un piatto di pasta risolve letteralmente qualsiasi situazione: un pranzo al volo, la fame chimica notturna e da oggi anche il rischio infarto.

Almeno stando a un gruppo di ricercatori toscani, che ha sviluppato un nuovo tipo di pasta capace di prevenire gli attacchi di cuore.

Quindi sotto con pasta al pomodoro, alla norma o una bella cacio e pepe, perché se questa pasta dovesse un giorno essere commercializzata potrebbe davvero prevenire il rischio di malattie cardiache.

Gli scienziati l’hanno addirittura paragonata a un bypass naturale, ma spieghiamo perché farsi un’amatriciana potrebbe salvare la vita.

La pasta salvavita

A fare la scoperta l’Istituto di Scienza della Vita della Scuola Superiore di Sant’Anna che, con uno studio pubblicato su Scientific Reports, ha parlato per la prima volta di una pasta funzionale.

Uno speciale tipo formato dalla classica semola di grano duro e farina di orzo piena di beta glucano, una fibra alimentare speciale amica del cuore perché responsabile di far cresce nuovi vasi sanguigni.

Questi vasi sanguigni sono dei bypass naturali che vengono creati una volta che arriva l’attacco di cuore.

In più la pasta incrementerebbe anche lo sviluppo di una molecola che protegge dagli effetti d’ischemia le cellule che rivestono le coronarie.

Per ora questa pasta è stata testata sui topi da laboratorio: un gruppo è stato nutrito con quella speciale, mentre il gruppo di controllo ha mangiato pasta normale.

E i risultati sono stati molto incoraggianti.

La pasta piena di beta-glucano renderebbe il corpo più resistente allo stress e proteggerebbe le coronarie.

Per aumentare i rami delle coronarie collaterali sono state testate molte altre strategie invasive in passato, – così afferma Vincenzo Lionetti, il professore che ha guidato lo studio – fra cui interventi chirurgici e terapie genetiche.

“Ma per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio che dimostra che una dieta basata sulla pasta arricchita con beta-glucano aumenta in modo sano i collaterali della coronarie….e riduce la mortalità”.

Insomma una buona notizia per i pazienti a rischio che potrebbero in questo modo far prevenzione facendo la cosa che riesce meglio agli italiani: mangiare tantissima pasta.

Fonte articolo Roberta Abate

CALAMARATA ALLA CREMA DI SCAMPI

CALAMARATA ALLA CREMA DI SCAMPI

Il gusto del cambiamento

Non smetterò mai di ripeterlo, il bello del cucinare è sale cambiare anche senza stravolgere tutto, ma cambiare

 

Ricetta anche questa molto classica, unica differenza, la pasta.

 

Anziché utilizare il riso ho deciso di utilizzare con la nostra crema di scampi la calamarata di Gragnano

 

INGREDIENTI

 

400 gr di calamarata

 

800 gr di scampi freschi

 

180 gr di passata di pomodoro

 

un bicchierino di cognac

 

Per il brodo :

 

Una cipolla

 

Una carota

 

Un gambo di sedano

 

Un bicchiere di vino bianco

 

Sale/pepe

 

Una noce di burro

 

Olio evo

 

PREPARAZIONE

 

Per prima cosa puliamo gli scampi conservando le teste e il loro carapace. Conservatene almeno uno per piatto per decorazione.

 

Mettete da una parte gli scampi e procediamo con gli "scarti".

 

Immergeteli in un litro e mezzo di acqua e aggiungete la cipolla tagliata a pezzi grossi, la carota, il sedano un bicchiere di  vino bianco e un pò di sale e pepe.

 

Quindi lasciate cuocere  per almeno per 40 minuti.

 

Una volta terminato il tempo, frullate tutto con un minipimer e poi ripassate la crema ottenuta con un passa verdure e lasciate da parte.

 

In una padellina rosolate un pò di aglio in olio extravergine.

 

Una volta dorato, togliete l’aglio e aggiungete gli scampi sgusciati e quelli interi e insaporite per un minuto, unite il cognac e lasciatelo evaporare.

 

Rimuovete gli scampi interi

 

Unite la passata e cuocete per una decina di minuti.

 

Unite il tutto al fumetto precedentemente ottenuto in un grosso tegame.

 

Nel frattempo mettete a bollire l'acqua per la pasta.

 

Scolate quindi la pasta al dente, aiutandovi con una schiumarola, nel tegame con la crema di scampi.

 

Continuate la cottura della pasta nella crema di scampi, se necessario aggiungete un mestolo di acqua di cottura.

 

Servite e gustate la vostra calamarata alla crema di scampi.

 

Ciao da Melocucinodame.

10 cose che (forse) non sai sulla pasta

10 cose che (forse) non sai sulla pasta

Buon giorno a tutti oggi vi voglio riportare un articolo tratto da Focus su aspetti e curiosità della pasta

 

Buona lettura (alla fine della pagina troverete il link diretto)

 

1 CHI HA CUCINATO I PRIMI SPAGHETTI? I primi spaghetti erano chiamati “vermicelli”, e da secoli si discute se siano stati inventati dai cinesi o dai siciliani: oggi si ritiene che si siano diffusi indipendentemente, in entrambe le aree geografiche. Quello che invece è certo è che a portare in Sicilia l’usanza di cucinare pasta secca sono stati gli Arabi. Una delle prime testimonianze scritte sui vermicelli secchi commestibili risale infatti a una sorta di “guida turistica” arabo-siciliana del 1154. e una versione della pasta potrebbe essere stata mangiata dai Greci già nel 1 secolo d. C.. C'era anche la tradizione, tutta romana, di mangiare pasta fresca, come la lagana, una specie di grande lasagna: una sfoglia di farina di grano impastata con lattuga, aromatizzata con spezie e fritta nell’olio di oliva.

 

2 E LA PASTA NAPOLETANA, QUANDO ARRRIVA? Già tra il 1200 e il 1300 a Genova si produceva pasta secca in grandi quantità, mentre a Napoli il passaggio della pasta ad alimento popolare avvenne solo alla fine del 1500, quando cominciò a essere venduta nei chioschi lungo le strade, e mangiata con le mani, liscia o condita con il formaggio. Il pomodoro invece sposò gli spaghetti solo verso il 1800, quando pomodoro e basilico con un pizzico di sale diventarono il condimento scelto dai venditori all’aperto napoletani per condire i maccheroni: una novità, visto che la pizza comincerà a unire il pomodoro alla mozzarella solo verso la metà del secolo.

 

3 IMPASTATA COI PIEDI. Racconta la studiosa italo-americana Julia della Croce, che fino al XIX secolo la produzione della pasta veniva affidata a lavoratori a piedi scalzi che si ritrovavano al ritmo della musica del mandolino: durò finché il re di Napoli, Ferdinando II (1830-1859), pensò che fosse meglio assumere un ingegnere per progettare un nuovo sistema... più igienico.

 pasta fresca,pasta fresca,pasta fresca,pasta fresca,pasta fresca

4 I NEMICI DELLA PASTA. Alcuni personaggi storici pensavano che la pasta potesse causare malattie mentali. Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer la definì “l’alimentazione dei rassegnati”, mentre il partito fascista ritenne che la pasta rendesse le persone troppo rilassate e pigre. Negli anni Trenta il poeta Filippo Tommaso Marinetti, nel Manifesto della Cucina Futurista, auspicò una vera e propria crociata contro gli spaghetti, accusando la pasta di uccidere l'animo nobile, virile e guerriero degli italiani. Ne propose addirittura l'abolizione che, a parere suo e di Benito Mussolini ispiratore della polemica, avrebbe liberato l'Italia dal costoso grano straniero e favorito l'industria italiana del riso. Andò a finire con Marinetti fotografato nel ristorante Biffi di Milano nell'atto di mangiare un bel piatto di spaghetti (quando si dice la coerenza), a cui seguì lo sfottò popolare.

 

5 COTTURA INTELLIGENTE. Aspettare che l’acqua bolle per gettare la pasta non è il modo più intelligente di cuocere la pasta. La cottura infatti dipende solo dalla temperatura raggiunta e non dal fatto che l’acqua vada in ebollizione. Il chimico Dario Bressanini propone un metodo di cottura più scientifico: buttare la pasta prima che l’acqua arrivi all'ebollizione. “Ho provato - scrive - a buttare pasta e sale dopo 8 minuti, con l’acqua a 80 °C. Ho poi continuato a scaldare, col coperchio, sino all'ebollizione per poi spegnere il gas. Sette minuti dopo la pasta era pronta”.

 

6 QUANTE PASTE ESISTONO?Secondo alcune stime esisterebbero ben 350 forme e tipi di pasta.

 

7 COME RICONOSCERE LA PASTA DI QUALITÀ? Sono almeno 3 i parametri da tenere in considerazione per una pasta di qualità. Il primo è la quantità di proteine: il contenuto minimo deve essere 10.5% (11.5% per la pasta di semola integrale). Quando sull’etichetta si trova un valore di proteine del 13.5% vuol dire che è un’ottima semola. Il secondo elemento è la trafilatura: quella migliore è realizzata con trafile in bronzo. Poi c’è la temperatura del ciclo di essiccazione, che però non è riportata in etichetta ma è una caratteristica importante, perché da essa dipendono le caratteristiche fisiche e quelle nutrizionali della pasta. Molto dice poi l’acqua di cottura: più è limpida (calcare a parte), meno amido e proteine ha perso la pasta durante il processo di cottura.

 

8 PASTASCIUTTA O PASTA ASCIUTTA?. Sì, si può scrivere in entrambi i modi: l’aggettivo "asciutta" deriva dal fatto che la pasta, a differenza delle minestre, è senz’acqua, che viene “scolata”. Mentre cottura “al dente” significa che la pasta deve conservare un pizzico di resistenza quando viene mangiata. A proposito: la pasta al dente è anche più facilmente digeribile: la rete di glutine trattiene al proprio interno i granuli di amido, rendendolo assimilabile in modo graduale.

 

9 CIBO DA ESPLORATORI. La pasta secca, grazie alla sua proprietà di distanze senza comprometterne l’edibilità. La pasta può essere cotta con qualche tipo di grasso e sale e verdure, legumi, carne o pesce per un pasto soddisfacente.

 

10 INGREDIENTI. Il grano duro è l’ingrediente principale della pasta. Un grano di buona qualità deve avere una proporzione di amido e proteine tale da garantire la formazione di un buon impasto, garanzia di tenuta di cottura.

focus

PACCHERI CAPRESE

PACCHERI CAPRESE

Paccheri caprese

caprese, paccheri, pasta, pasta fresca, melocucinodame, alici, pachino, pomodorini, daniele vacchio

Per il giorno che proprio non ti va, o non hai voglia di fare la spesa e sei partito con l'idea di fare una caprese perché ti ricordi di avere in frigorifero una bella mozzarella di bufala - per inciso io ho utilizzato una mozzarella di bufala viterbese ...ottima - e forse hai dei pomodori.

 

Arrivi a casa apri il frigorifero e al posto dei pomodori trovi dei pachino, quindi?

 

Vai con la ricetta

 

Ingredienti per 2 persone:

 

200 grammi di Paccheri dececco

 

10 pomodorini pachino

 

150 grammi di mozzarella di bufala

 

5/6 alici sott'olio

 

uno spicchio di aglio

 

olio evo q.b.

 

prezzemolo fresco tritato

 

sale e pepe (o peperoncino) q.b.

 

Preparazione:

 

Innanzitutto, un ora circa prima del pasto lavare bene i pomodorini, tagliarli a cubetti e riporli in una terrina.

 

Quindi aggiungere uno spicchio di aglio pelato e spaccato a metà e coprire con pellicola.

 

Mettere in frigo per qualche ora ad insaporirsi.

 

All'ora di cenare lessare i paccheri in abbondante acqua salata e scolarli al dente.

 

Nel frattempo che la pasta si cuoce, prendere i pomodorini, eliminare l'aglio e versarli in una pirofila.

 

A questo punto aggiungiamo la mozzarella con dovrà essere tagliata con il coltello ma spezzettata a piccoli bocconi con le mani

 

Aggiungiamo  le alici a pezzettini, una manciatina di prezzemolo fresco tritato, sale, pepe e abbondante olio evo.

 

Mescolare tutto come fosse un'insalata e quando si è scolata la pasta versarla direttamente su questo condimento.

 

Mantecare velocemente e servire. 

 

Buon primo piatto con MelocucinodaMe

 

Un abbraccio Daniele

CALAMARATA CON SALMONE E GAMBERONI

CALAMARATA CON SALMONE E GAMBERONI

calamarata, pasta, pasta fresca, pasta all'uovo, melocucinodame, daniele vacchio, pasta, primo piatto

CALAMARATA CON SALMONE E GAMBERONI

Ingredienti:

 

400g Calamarata 

 

250g di salmone

 

300g di gamberoni

 

cipolla bianca

 

10 foglioline di menta

 

limone

 

prezzemolo, una noce di burro

 

olio e.v.o.

 

1 cucchiaino di grani di pepe

 

costa di sedano e uno spicchio d’aglio

 

1 gambo di prezzemolo

 

pepe nero macinato, sale

 

Preparazione:

Per prima cosa lavare i gamberi privandoli della testa e del carapace e delle viscere

 

Quindi tagliuzzare il salmone in piccole striscioline di dimensioni simili.

 

Nel frattempo all' interno di uno scolapasta distribuire le teste dei gamberi, il sedano intero, grani di pepe, aglio intero, gambi di prezzemolo e immergerli in acqua bollente salata, lasciando cuocere per circa 10 min cosi da estrarre l'aroma dagli ingredienti

 

Quindi rimuovete il tutto con una schiumarola e tenete quest'acqua che utilizzerete come acqua di cottura della pasta

 

Ora tritare la cipolla e lasciarla imbiondire con l’olio e il burro

 

A questo punto aggiungere i gamberi e il salmone e rosolare il tutto per qualche minuto.

 

Aggiungere il vino e lasciare asciugare.

 

Quando sarà evaporato il vino aggiungere il prezzemolo, menta e scorze di limone ottenute con un pelapatate.

 

Spolverare con abbondante pepe nero.

 

Cuocere la pasta per il tempo necessario, scolarla al dente e saltarla in padella con il condimento.

pasta, pasta fresca, pasta all'uovo, pasta fatta in casa, melocucinodame, daniele vacchio 

per la calamarata consiglio pasta rummo

 

Buon appetito da MelocucinodaMe

 

un abbraccio Daniele

LINGUINE GAMBERONI E RUCOLA

LINGUINE GAMBERONI E RUCOLA

Le linguine

, pasta, pastafresca, gamberoni, rucola, rucola

Sono un tipo di pasta lunga di semola di grano duro.

 

La lunghezza è la stessa degli spaghetti ma, anziché avere la forma cilindrica, hanno sembianze piatte e appartengono alla stessa famiglia delle bavette (spaghetto schiacciato a sezione rettangolare, di medio spessore) e delle trenette (tipo di pasta che trova la sua origine a Genova )

 

La particolare conformazione di questo tipo di pasta ne predilige l'accostamento a sughi e condimenti a base di pesce.

 

In Liguria il condimento tipico per le trenette è il pesto.

 

Oppure se volete qualcosa di vengano potete seguire questa ricetta linguine con pesto alla genoveg

 

Vi riporto di seguito il link per delle ottime trenette al pesto originali

 

trenette al pesto

Ingredienti e preparazione

 

INGREDIENTI

 

gr.400 di linguine

 

8 gamberoni di mazara

 

Il gambero rosso di Mazara, o ammaru russu in siciliano, è una specie di gambero che viene pescato principalmente nelle acque del Mar Mediterraneo.

 

Una delle peculiarità è il suo colore, un rosso intenso e brillante, ed è apprezzato per la gustosità delle sue carni da tutti gli chef d’Italia.

 

Questa infatti risulta compatta e bianca, dal sapore unico ed inconfondibile.

 

Nei mesi caldi la testa del gambero si inscurisce per la presenza delle uova, definite anche “caviale di gambero”, usate anch’esse per ottenere prelibati primi piatti.

 

1\2 bicchiere di vino bianco secco

 

olio e.v.o.

 

1 fascetto di rucola

 

gr.80 di parmigiano a scaglie

 

2 limoni

 

1 spicchio di aglio

 

sale e pepe

 

PREPARAZIONE

 

Per prima cosa lavate la rucola e spezzettatela.

 

Quindi sbucciate un limone, tagliate la metà della buccia a pezzetti e grattugiate l’altra metà.

 

Spremete il 2° limone e mettete il succo da parte.

 

In una ciotola mettete l’aglio schiacciato privato dell'anima, 4 cucchiai di olio, il succo del limone, sale e pepe e mescolate il tutto.

 

Nel frattempo cuocete i gamberoni in padella con uno spicchio di aglio.

 

Bagnate con un po’ di vino bianco e fate sfumare.

 

Lessate le linguine per il tempo indicato, scolatele e conditele con l’emulsione preparata

 

Impiattate con gli scampi, con la rucola e spolverizzate con il parmigiano a scaglie.

 

Buone linguine con MelocucinodaMe 

 

Un abbraccio Daniele

LA PASTA E LE NUOVE FARINE

LA PASTA E LE NUOVE FARINE

Pastasciutta, l'esperto: quali fanno bene, quali evitare

pasta, pasta fresca, pasta all'uovo, pasta,melocucinodame, daniele vacchio

Buon giorno ho trovato molto interessante questo articolo tratto da liberoquotidiano.it e che riporto di seguito, alla fine troverete il link al sito ufficiale

 

Pastasciutta, l'esperto: quali fanno bene, quali evitare

Ci sono le tagliatelle al farro e i fusilli alla segale. Ma anche i rigatoni ai ceci e le mezze maniche ai piselli.

Due spaghi al pomodoro? Se cedete alla farina di kamut saranno anche più leggeri (e la linea vi ringrazierà).

Sulle tavole degli italiani c’è sempre più pasta integrale: lo dice una ricerca targata Doxa-Aidepi (un’associazione del settore).

Il 53% delle (buone) forchette tricolori al banco del supermercato opta per le novità in fatto di grano.

E cioè: i consumi della pasta integrale sono cresciuti, nell’ultimo anno, del 20%.

E se a farla da padrone è ancora la semola tradizionale, che vale da sola circa il 90% del mercato, pazienza: con i legumi e i cereali, i paccheri “light” stanno conquistando mezzo Stivale. «Questa crescita», racconta il presidente di Aidepi Paolo Barilla «è la prova che c’è posto per tutti e oramai il consumatore ha la possibilità di scegliere.

Si tratta della risposta alle ultime linee guida nutrizionali, che evidenziano l’importanza di integrare più fibre nella nostra alimentazione».

Come a dire: le lasagne alla bolognese della nonna resteranno anche imprescindibili, nessuno lo dubita, ma avete mai provato i maccheroni al farro con i pomodorini secchi?

SALUTISTI

In fondo basta fare un giro al discount per rendersene conto: l’offerta è varia e i prezzi sono accessibili.

Rincarati, ovvio, rispetto alla farina 00, ma per salvare il giro vita si può anche mettere in conto di spendere qualche euro in più. «In tutti i cereali la qualità delle proteine non è altissima», spiega il nutrizionista Giuseppe Rotilio, capo del dipartimento di Promozione della qualità della vita presso Università San Raffaele di Roma, «ma questa carenza viene compensata da una quantità maggiore, per cui un piatto di spaghetti integrali ha un apporto proteico più elevato».

E allora fa bene, specie se col pranzo di Ferragosto avete un tantino esagerato. «La pasta che al suo interno utilizza farine di cerali è meno raffinata, il che significa che è anche meno assimilabile.

Non aumenta la glicemia, e per questo viene preferita dalle persone a dieta».

Fibre, sali minerali e vitamine fanno il resto: «L’unico cereale completo da un punto di vista nutrizionale è la soia», ammette l’esperto, «ma in Italia viene usata ancora poco». La nutrizionista Fabiola Ficarra concorda e aggiunge: «Il consiglio è variare.

L’alimentazione non deve mai concentrarsi su un alimento e basta, quindi ben vengano le alternanze anche in materia di farina.

Noi italiani siamo molto tradizionalisti, non rinunciamo facilmente alla pasta: assumere cereali che hanno l’aspetto di spaghetti o maccheroni è una buona alternativa.

Il farro va molto bene per gli sportivi ed è ricco di fibre che aiutano anche chi soffre di diabete. Il kamut è molto ricco di proteine.

La segale è un alimento eccezionale a basso contenuto calorico e glicemico: è ottima nella prevenzione delle patologie cardiovascolari. Infine ci sono le paste proteiche, fatte con i legumi, che possono essere un modo anche per far assimilare ai bambini tante sostanze verso cui in genere non sono proprio entusiasti».

In vendita, nell’ultimo periodo, c’è pure la pasta proteica, quella fatta con i legumi: niente grano e niente mais, ma piselli e fagioli.

Con la conseguenza che, se un normale piatto di penne alla carbonara, valgono a occhio e croce 65 grammi di carboidrati (e svariati giri di cyclette per smaltirli) uno di questi ne contiene appena 48.

Assaggiare per credere. Intendiamoci, metodi di preparazione e condimenti non cambiano. Il sapore - spergiura chi ormai già non riesce più a farne a meno - neanche.

La bilancia, invece, sì. «Il boom che in questi ultimi anni ha interessato il settore si spiega proprio in questi termini», continua Rotilio, «lo stesso discorso vale per il pane casereccio: essendo meno raffinata la farina con cui viene cotto non innalza così tanto la glicemia e l’organismo assimila meno».

Dopo di che, sia chiaro, una spaghettata aglio e olio non si nega a nessuno.

Ci mancherebbe altro. Ma a usare le farine integrali ci sono sicuramente alcuni vantaggi che non vanno sottovalutati. «Nel momento in cui la pasta ai cereali è integrata con altre sostanze, per esempio un particolare sugo o un condimento ricco, risulta sicuramente più sostanziosa di quella a tipologia tradizionale», conclude il professore.

Quindi: pasta e fagioli con ditalini di segale, tanto per dire, è meglio di una bistecca. E non è un modo di dire.

Fatevene una ragione e provate, almeno una volta, a uscire dal seminato. Non è un caso che tutte le principali marche della filiera italiana da qualche anno a questa parte abbiano creato una linea apposita di farine integrali.

Il mercato bio, anche in fatto di farfalle e pipe, vale, da Palermo a Sondrio, la bellezza di 150 milioni di euro e se la media di una confezione da 500 grammi di pasta integrale costa 1,59 euro contro gli 80 centesimi di quella classica, amen. Ci si guadagna in salute.

Poi ci sono gli abbinamenti, i sughi che stanno bene con quel sapore leggermente amarognolo della “farina nera” o il gusto meno deciso del farro.

Perché quando si cerca di perdere qualche chilo non è mica detto che bisogna rinunciare proprio a tutto.

La pasta rimane pur sempre il piatto nazionale, che poi sia integrale non fa differenza.

L’avvertenza che sottolineano gli addetti ai lavori rimane una sola: questi prodotti non sono senza glutine, come spesso (ed erroneamente) qualcuno pensa.

Sono semplicemente più salutari.

di Claudia Osmetti

 

LINK UFFICIALE AL SITO

CARAMELLA DI PASTA FRITTA

CARAMELLA DI PASTA FRITTA

Amata caramella

L'amore è come una caramella:
si cerca sempre la più bella
colorata e appariscente,
per trovarla ci vuole un "niente".
Si scarta con attenzione
per poi farne un sol boccone:
ah, che aroma prelibato
che solletica il palato...
Oh che dolcissimo sapore,
ci fa sciogliere anche il cuore.
Questa è una lieve e rara essenza,
di cui non si può mai stare senza,
ma è un'arte far durare
questo gusto celestiale,
e quando il dolce è finito
ti ritrovi rimbambito.
Triste vita senza amore:
ne risente anche il cuore!
E allor, con attenzione,
si ricerca l'attrazione
per la giusta caramella
che sia buona, dolce, e forse bella.

Composta domenica 21 aprile 2013

da PensieriParole <https://www.pensieriparole.it/poesie/poesie-personali/poesia-184018>

 

 

Ingredienti e preparazione

 

Ho voluto iniziare questo articolo con una poesia perché ritengo che cucinare sia arte e poesia.

 

L'amore che mettiamo nei nostri piatti nell'attesa di servirli non è in fondo poesia?

 

Ma ora basta romanticismo e tuffiamoci nella nostra cucina.

 

INGREDIENTI 

 

500 g di semola di grano duro

 

150 g di acqua 

 

1 cestino di fragoline di bosco

 

250 g di ricotta 

 

zucchero

 

cacao amaro in polvere

 

olio di semi di mais

 

PREPARAZIONE DELLA CARAMELLA

 

In una ciotola capiente mettiamo la semola e mentre impastiamo iniziamo a mettere l'acqua un po alla volta 

 

Una volta ottenuto l'impasto, lo mettiamo su un tavolo infarinato e lo stendiamo ad uno spessore di 1 mm aiutandoci con un mattarello

 

Tagliamo quindi dei rettangoli della misura di circa 7 cm di larghezza per 13 cm di lunghezza.

 

Poniamo all'inizio del lato corto un cucchiaino di ricotta e due fragoline di bosco.

 

Arrotoliamo la sfoglia di pasta, quindi applichiamo una pressione laterale a chiudere a "caramella"

 

Per chi avesse dubbi ricordo sempre http://www.melocucinodame.it/house-course-il-corso-direttamente-a-casa-tua/

 

Fatte tutte le caramelle poniamole in frigorifero per 30 minuti, nel frattempo mettiamo l'olio a friggere in un tegame capiente e profondo

 

Quando l'olio sarà caldo al punto giusto, mettiamo le nostre caramelle a friggere - appena si dora un lato girare e dorare il secondo lato - per circa 3 minuti

 

Scolarle e servirle calde con una spruzzata di cacao amaro , altra ricotta e una fragolina

 

Buon appetidolce con MelocucinodaMe 

 

un abbraccio 

 

Daniele

 

 

VERMICELLI ALL’ASTICE

VERMICELLI ALL’ASTICE

vermicelli astice

Curiosità sull'astice

 

 

Gli astici non sono di colore rosso, lo diventano una volta cotti: in natura possiamo trovarli verdi, gialli o addirittura blu!

 

Gli astici possono arrivare a pesare 18 chili per una lunghezza di 120 centimetri.

 

Si crede che gli astici possano vivere fino a 100 anni.

 

Gli astici hanno due chele, diverse tra loro: la chela più grande serve per afferrare e quella più piccola per rompere.

 

la carne di astice è una grande fonte di proteine, fornendo 28 grammi di proteine per ogni 150 grammi.

 

Gli astici sono una grande fonte di acidi grassi omega 3

 

Gli astici possono essere allevati in cattività.

 

E’ un mito quello per cui gli astici urlano in cottura: non hanno polmoni né corde vocali.

 

La linea scura che a volte potete trovare nella coda dell’astice sono uova non fertilizzate: potete mangiarle tranquillamente.

 

Le chele degli astici sono molto forti: quelle di un esemplare grande possono riuscire a fratturare un dito!

 

Alcuni considerano l’astice un alimento afrodisiaco.

 

I pescatori di astici rimettono in acqua gli astici troppo piccoli e quelli troppo grandi: i piccoli hanno bisogno di crescere, mentre gli esemplari più grandi vengono lasciati per la riproduzione.

 

Aragoste e astici non sono lo stesso animale: solo gli astici hanno le chele!

INGREDIENTI E PREPARAZIONE PER I VERMICELLI ALL'ASTICE

 

INGREDIENTI

 

320 GR di vermicelli

2 astici medi

2 spicchi di aglio privati dell'anima

1 peperoncino fresco

1 alice sott'olio

400 gr di passata di pomodoro 

12 pomodorini confit

sale, olio evo e prezzemolo q.b. 

 

PREPARAZIONE 

 

Mettere una pila alta piena di acqua sul fuoco e aspettare il bollore

 

Quando bolle mettere nell'acqua i due astici e chiudere con un coperchio

 

Per la cottura considerate 20 min ogni kg di astice

 

Nel frattempo in una casseruola soffriggere, con olio evo, aglio, olio,peperoncino e l'alice sott'olio 

 

Non appena l'astice si sarà cotto scolatelo aiutandovi con delle pinzette e adagiatelo su un tagliere

 

Staccate le teste, dividetele a metà e mettetele nella casseruola e lasciate soffriggere per qualche minuto

 

Quindi aggiungete la passata di pomodoro e i pomodorini confit e lasciate insaporire per 5 minuti

 

Levate quindi le teste, lo spicchio di aglio e il peperoncino.

 

Prendete i due astici e ripulite sia il carapace che le chele della loro polpa e mettetene una parte nella casseruola e una parte la terrete da parte per guarnire i piatti.

 

Mettete quindi a cuocere i vermicelli in acqua bollente salata con un filo di olio e scolateli al dente.

 

Prendete i vermicelli e mantecateli (ovvero continuate la cottura) nella casseruola a fuoco vivace utilizzando un po di acqua di cottura.

 

A cottura ultimata aggiungete il prezzemolo e un filo di olio, servite caldi guarendo con la polpa rimasta.

 

Buon appetito con i vermicelli all'astice dal vostro Melocucinodame

 

O te lo cucini o te lo cucino 

 

Un abbraccio Daniele

 

 

 

 

Go Top