Posts Tagged “patate”

SPEZZATINO DI VITELLA CON PATATE

SPEZZATINO DI VITELLA CON PATATE

Ingredienti e preparazione

 

Quando si parla di tradizioni della buona cucina, al primo posto troviamo sempre il nostro Bel Paese.

 

Un paese ricco di profumi e di sapori.

 

La ricetta che vi propongo oggi mi è stata richiesta, e ad una richiesta culinaria non mi tirerò mai indietro.

 

Lo spezzatino di vitello con patate viene realizzato con dei tocchetti di carne di vitello, che vengono cotte in tegame insieme alle patate: il risultato finale è sicuramente un piatto super profumato, dal sapore ricco e corposo: non può mancare la scarpetta con il pane per assaporare il delizioso sughetto cremoso

 

INGREDIENTI

 

800 g di polpa di vitello

 

250 g di passata di pomodoro olio extravergine d'oliva

 

1 cipolla

 

1 carota

 

1/2 bicchiere di vino bianco

 

4 patate

 

50 g di burro

 

60 g di farina

 

q.b sale

 

q.b pepe

 

1 rametto di rosmarino

 

PREPARAZIONE

 

Su un fuoco di media intensità ponete una pentola con l'olio extravergine d’oliva e il burro e, quando quest’ultimo si sarà sciolto, aggiungete cipolla e carota tagliate finissime.

 

Appena la cipolla risulterà dorata, aggiungete la carne tagliata a dadi e leggermente infarinata.

pasta, pasta fresca, pasta all'uovo,pastasciutta, me lo cucino da me

Quindi fatela dorare su tutti i lati, quindi aggiungete il vino bianco, la conserva di pomodoro, il sale e il pepe e mescolate.

 

Quando la salsa risulterà densa e il liquido sarà stato assorbito, aggiungete le patate pelate e tagliate a pezzi.

 

Versate una quantità d’acqua sufficiente a ricoprire interamente la carne e fate cuocere a pentola scoperta per 45/50 minuti.

 

A questo punto aggiungere del rosmarino.

 

Quando la carne e le patate saranno divenute tenere, togliete la pentola dal fuoco e servite lo spezzatino caldo magari con del pane bruscato affianco .

 

Buona tradizione con Melocucinodame

 

un abbraccio Daniele

SCIATT DI GRANO SARACENO

SCIATT DI GRANO SARACENO

Curiosità sugli sciatt di grano saraceno, ovvero i rospi della valtellina

 

Gli sciatt di grano saraceno sono delle frittelle di farina contenenti all'interno del formaggio fuso.

 

Sono tipici della Valtellina e, in verità, la parola significa - nel loro dialetto - "rospi"

 

In realtà i nostri rospi sono un piattino sfizioso da fare velocemente per un finger food o per una apericena.

 

Personalmente li preparo per "bloccare" l'appetito in attesa di preparazioni più lunghe.

 

Divertenti e buoni, accompagnati su un letto di scarola saltata in padella.

 

Allora, che si fa? Sciattiamo?

 

 

INGREDIENTI E PREPARAZIONE PER GLI SCIATT DI GRANO SARACENO

 

INGREDIENTI

 

200 g di farina di grano saraceno

 

100 g di farina 00 o fecola di patate

 

250 g di fontina

 

1 lt di acqua gassata gelata

 

1/2 cucchiaino di bicarbonato

 

olio di semi di arachidi per friggere

 

1/2 testa di verza

 

1 cucchiaio di uvetta reidratata

 

1 cucchiaio di pinoli

 

200 gr di purea di patate 

 

30 g di burro

 

olio evo, sale e pepe qb

 

PREPARAZIONE

 

Iniziamo con la preparazione

 

Pulire la verza, lavarla e asciugarla.

 

Tagliarla a listarelle e saltarla in padella con un filo d'olio.

 

Salare e unire, fine cottura, l'uvetta e i pinoli tostati.

 

Tenere in caldo nel forno spento.

 

Prendere ora una ciotola capiente e aiutandosi con una frusta mescolare le due farine e versare a filo l'acqua gassata.

 

Dovrete ottenere un impasto omogeneo, morbido, ma non troppo liquido, è ovvio che non dovrete utilizzare tutta l'acqua.

 

Salare, unire il bicarbonato amalgamando un po', coprire e far riposare per 20 minuti in frigorifero.

 

Nel frattempo tagliare il formaggio a cubetti.

 

Prendere una pentola capiente e versarci dentro l'olio di semi portandolo ad una temperatura di circa 180° centigradi.

 

Riprendere il nostro composto, prelevare piccole parti di pastella con un cucchiaio, inserire al centro un cubetto di formaggio e ricoprire con un  altro poco di pastella.

 

Lasciare scivolare il tutto nell'olio caldo cercando di avvolgere completamente il formaggio

 

Una volta dorati, scolare gli sciatt dall'olio e servirli caldi con la purè di patate e la verza saltata.

 

Buon appetizer con MelocucinodaMe 

 

Grazie per la lettura e se volete lasciate un commento 

 

Daniele

http://www.melocucinodame.it/corso-cuoco/

http://www.melocucinodame.it/house-course-il-corso-direttamente-a-casa-tua/

https://www.instagram.com/melocucinodame/?hl=it

POLPO E PATATE SCIUE SCIUE

POLPO E PATATE SCIUE SCIUE

Pranzo al sacco prima della spiaggia, ovvero polpo e patate sciuè sciuè

Il risveglio in vacanza è sempre piacevole.

 

Ti alzi lentamente, ti guardi intorno, metti a fuoco la tavola e fai colazione.

 

Si inizia a chiacchierare con la famiglia sul dove andare e cosa fare

 

Quale spiaggia visitare

 

Ma poi la domanda, che nell'arco dell'anno ti poni solo al momento della necessità

 

"Che mangiamo per pranzo?"

 

Il panino no l'ho mangiato ieri, la pizza a cena, qualcosa di fresco?

 

E lí si accende la lucina; un insalata, oppure???

 

Un insalata di polpo e patate

 

Ma iniziate a pensare, la cottura lunga, e le patate e,e,e

 

E io che ci sto a fare? Ricordate o te lo cucini o te lo cucino

 

Quindi, utilizziamo la pentola pressione e in 40 minuti senza stare troppo dietro alle varie cotture preparate un ottima insalata di polpo sciuè sciuè

 

 

 

Polpo e patate sciuè sciuè

PREPARAZIONE DEL POLPO E PATATE CON LA PENTOLA A PRESSIONE 

 

Polipo Kg 1

Patate Kg 0,5

olio evo

limone n° 1 - anche 1 lime ci po sta 

sale Q.B

sedano 1 costa media

prezzemolo

spezie provenzali (le adoro)

 

PREPARAZIONE

 

Prendete la pentola a pressione, metteteci dentro il vostro bel polpo pulito - se non lo è nella  parte della ricetta classica vi spiego come fare - mettete acqua fino a coprire e chiudete

 

Mettete la pentola a pressione sul fuoco a fiamma alta e da quando inizierà a fischiare abbassate la fiamma al minimo, mettete un timer a 20 minuti e andate a prepararvi.

 

Passati i 20 minuti spegnete il fuoco e aprite la pentola

 

Prendete il polpo con delle pinzette e mettetelo su un tagliere, e con un coltello tagliente fatene dei pezzi della grandezza di 2 cm o comunque a piacere.

 

Lavate le patate senza levare la buccia

 

Mettete le patate nella pentola a pressione lasciando l'acqua con cui avete cotto il polpo 

 

Richiudete la pentola e rimettetela sul fuoco a fiamma alta

 

Dal momento in cui inizierà a fischiare abbassate la fiamma al minimo e lasciate cuocere per circa 10/15 minuti, dipende dalla grandezza delle patate...preparate le cose per la spiaggia

 

A fine cottura aprite la pentola e mettetela sotto l'acqua fredda per fare intiepidire le patate

 

Sbucciate le patate, dividetele in 4 spicchi e a loro volta dividete gli spicchi della grandezza desiderata.

 

Prendete una insalatiera e mettete un filo di olio, il sedano tagliato a dadini piccoli, il polpo, le patate e sopra il succo di lime e le spezie provenzali

 

Coprite con una pellicola e mettete nel surgelatore per 10 minuti e il pranzo è pronto

 

Per accompagnare va bene anche la pinsa http://www.melocucinodame.it/pinsa-romana-secondo-me/

 

 

 

 

 

 

POLPO E PATATE RICETTA CLASSICA

 

INGREDIENTI

 

Polipo Kg 1

Patate Kg 0,5

olio dl 2

limone n° 1

sale Q.B

sedano Kg 0,2

cipolla Kg 0,2

ginepro 2-3 bacche

 

PREPARAZIONE

 

Se il polpo non è stato pulito, dovrete farlo prima della cotura , aprendo la sacca lateralmente e svuotandola. Utilizzando delle forbici o un coltellino dalla punta affilata, togliete gli occhi, il dente (o becco) e la pelle; lavate il polipo molto bene sotto l’acqua corrente

 

Mettere sul fuoco una pentola abbastanza grande da contenere abbastanza acqua per coprire il polpo.

 

Aggiungere le verdure pulite e tagliate, l'alloro, il ginepro, l'aceto e il sale.

 

Non appena l'acqua inizierà a bollire, immergete il polpo, mettete il fuoco al minimo coprite e lasciate cuocere per circa 40 minuti 

 

Ora pensiamo alle patate: lavatele bene e immergetele in una pentola di acqua e lasciate cuocere dal primo bollo per circa 25 minuti

 

Finito il tempo, scolate le patate e lasciate intiepidire prima di levare la buccia.

 

Quando si sarà cotto anche il polpo, con l'aiuto di una pinza, toglietelo dalla pentola, ponetelo su di un tagliere e tagliatelo a pezzetti.

 

Prendiamo le patate sbucciate, tagliatele in 4 spicchi e poi ogni spicchio a quadretti regolandovi con la grandezza delle parti di polpo

 

In una ciotola capiente unite il polpo , le patate, e condite con olio, prezzemolo, aglio, pepe e sale

 

Potete servire questa pietanza sia calda che fredda.

 

Un abbraccio da MelcucinodaMe/Daniele 

 

http://www.melocucinodame.it/house-course/

 

http://www.melocucinodame.it/corso cuoco

TARTARE DI SALMONE SELVATICO

TARTARE DI SALMONE SELVATICO

Tartare di salmone selvatico

E' incredibile come il fato a volte condizioni la nostra vita

 

Questa mattina, per il troppo caldo, mi sono svegliato molto presto

 

Cosí prima di andare al lavoro ho deciso di andare a fare la spesa

 

Per andare dal mio fruttivendolo di fiducia devo passare per forza davanti alla pescheria

 

Cosi entro per dare uno sguardo e....

 

Meraviglia uno splendido filetto di salmone selvatico, ne prendo 700 gr

 

Cosi inizio a pensare come costruire la cena.

 

Di sicuro con il salmone farò una tartare, sarebbe un peccato cucinarlo anche perché, a differenza del salmone "classico" ricco di grassi e di un rosa pallido, questo è privo di grassi e di un colore rosso acceso

 

Essendo privo di grassi nel cuocerlo si rischia di "seccare" la polpa

 

Decido quindi di accompagnarlo con degli ottimi gamberoni.

 

Fatta la spesa mi occorre qualcosa con cui accompagnare il mio pesce

 

Vado quindi dal mio piccolo e garbato fruttivendolo 

 

E come le vedo mi colpiscono subito...le patate viola 

 

Aggiungo un gambo di sedano e due zucchine romanesche 

 

PREPARAZIONE DEL FILETTO DI SALMONE SELVATICO

 

Stendiamo il filetto su un tagliere abbastanza grande da contenerlo

 

Pratichiamo dei tagli in diagonale per tutta la lunghezza prima da una parte e poi dall'altra

 

A questo punto con una lama per sfilettare entriamo da sotto e tagliamo dividendo la pelle dalla carne

 

Ora dividiamo il salmone in tanti piccoli dadini , lo mettiamo in un recipiente di acciaio, lo condiamo con un filo di olio e lo mettiamo in frigorifero a riposare fino a quando non dovremo impiattarlo

 

Ricordatevi che il limone andrà messo a piacere solo nel momento di servire.

 

http://www.melocucinodame.it/house-course-il-corso-direttamente-a-casa-tua/

Cuocere i gamberoni

 

Per la catalana di gamberoni ne ho comprati sei

 

Riempire a metà una casseruola capiente con un filo di aceto 

 

In attesa che l'acqua bolla eviscerare i gamberi lasciandoli intatti

 

Non appena l'acqua bolle - BENE - mettere dentro i gamberi 

 

Aspettare 5 minuti, levarli dal fuoco e passarli sotto l'acqua fredda.

 

Pulirli bene e tagliare ogni gambero a fettine.

 

Le zucchine e il sedano non li cuoceremo, ma ne creeremo una bronuoise da mettere a crudo

 

Patate viola e chiusura del piatto

 

Per le patate considerate 600 gr

 

Io utilizzo molto la cottura con la pentola a pressione, è più rapida e mantiene meglio i valori organolettici del prodotto

 

Prendete quindi una pentola a pressione, lavate le patate e mettetele dentro senza levare la buccia

 

Ora mettete tanta acqua quanto basta a coprirle per metà

 

Chiudete bene a mettete a cuocere  con fiamma alta, poi, dal fischio, abbassate la fiamma al minimo e cuocete per circa 7 minuti.

 

Terminato il tempo, fate sfogare la pressione, prendete le patate e passatele sotto l'acqua fredda o potete metterle nel lavello con acqua e ghiaccio.

 

Pulite le patate dalla buccia e tagliate a fettine per la loro lunghezza.

 

IMPIATTARE

 

Come sempre si inizia dal centro 

 

Inseriamo, magari aiutandoci con un coppapasta, la tartare di salmone

 

Poi adagiamo su un lato alcune fette di patate

 

Infine "seminiamo" nel piatto la catalana e una bronuoise di zucchine e gambi di sedano 

 

e buon appetito

 

O te lo cucini o te lo cucino 

 

un abbraccio Daniele

Go Top